Sei l’addio che non riuscirò mai a dire.
laragazzasenzauncuore:

…
La maggior parte della nostra vita la passiamo ad aspettare o a ricordare e mentre lo facciamo non siamo né tristi né felici; sembriamo tristi, ma semplicemente siamo lontani
Che poi alla fine della giornata siamo sempre soli
Posso giurare di aver sentito il mio cuore spezzarsi.
E’ una sensazione strana, effettivamente.
Ti si mozza il fiato per qualche secondo, poi senti una sorta di vuoto, di voragine, perforarti lo stomaco.
E accade: riprendi a respirare ma non sei più vivo.
tundaee:

baby dont cry
ibattitidelcuore:

Non esisto…
Ci ho messo un po’ a capire che le persone che vogliono starti vicino lo fanno e basta, in un modo o nell’altro, possono essere con te anche se sono a chilometri di distanza. Chi non c’è potrà avere tutte le scuse del mondo, potrà dire di tutto per giustificarsi, ma non ci sarà una buona ragione che riuscirà a mascherare la verità.
Chi vuole esserci c’è, semplicemente.
Chi non vuole esserci è perché ha per la testa qualcosa e quel qualcosa non sei tu.
Io spero che tu soffra. E che tu soffra anche tanto. E non mi interessa niente, e dammi della stronza e bastarda, ma non me ne frega comunque. Io spero che tu soffra, che tu stia male almeno un po’. Almeno la metà di quello che io ho sofferto per te, lo spero. Spero che tu pianga quanto ho pianto io per te. Che non sappia da che parte sbattere la testa, tanto da stringerti fra le tue stesse braccia e tremare in piena estate. Spero che tu stia male da vomitare, da farti venire la febbre e tremare allo stesso tempo. Spero che tu stia male per una persona come io lo sono stata per te. Che tu ritrovi la stessa apatia che vedevo io nelle le tue parole. La stessa, nelle parole di un’altra persona. Magari della persona che ami. La stessa indifferenza e voglia di lasciar tutto marcire. Spero che tu stia male. E che tu soffra, come soffrono le persone che vorrebbero, ma non possono. Come me, che volevo salvare qualcosa, il nostro qualcosa. Spero che tu stia male, anche solo un secondo o un minuto. Vorrei che tu assaporassi i secondi che vive una persona distrutta e sconfitta. Una persona che si vede rovinare e sgretolare, inerme, incapace di poter fare altro. Vorrei che tu nemmeno piangessi, che ti mancassero le lacrime per mesi interi. Un minuto. Vorrei che tu lo passassi come ho passato io mesi interi. Solo così, perché l’unica cosa che avrei dovuto fare era quella di farti soffrire come avevo sofferto io. L’unica cosa che dimentico sempre, prima di andarmene, è lasciare un ricordo di me. È raro che faccia soffrire le persone, che mi ci metta di impegno e le faccia star male di proposito. Mi pento, ora, di non averti lasciato questo ricordo, rovinandoti la vita come avrei dovuto fare. Ma magari è stato meglio così. Tutto questo dolore un giorno mi servirà, mi aprirà gli occhi, ed invece è giusto che tu rimanga lo stronzo che sei sempre stato.
<---DONT REMOVE---->
A snazzyspace.com Theme A snazzyspace.com Theme